Rottamazione cartelle Equitalia, comuni in ritardo

Rottamazione cartelle Equitalia, Comuni abruzzesi in ritardoRottamazione cartelle Equitalia, Comuni abruzzesi in ritardo

Rottamazione cartelle Equitalia, comuni abruzzesi in ritardo nell’applicazione delle norme.

E’ la Confesercenti Abruzzo a rendere noto come la maggior parte dei Comuni non abbia ancora adottato i provvedimenti necessari per avviare la rottamazione delle cartelle di Equitalia.

In una lettera indirizzata al presidente regionale dell’Anci Luciano Lapenna, Confesercenti lancia l’appello per i sindaci: “E’ ormai passato oltre un mese da quando la normativa sulla rottamazione delle cartelle esattoriali Equitalia è diventata operativa con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale avvenuta il 2 dicembre. Dai Comuni abruzzesi, per quanto proprio ora impegnati nell’opera di redazione dei bilanci pluriennali, non perviene ancora nessun segnale di recepimento. Congiuntamente alla rottamazione delle cartelle di Equitalia ed alla sua contestuale incorporazione nella nuova Agenzia delle entrate e riscossioni,  il governo nazionale ha infatti esteso ai Comuni la possibilità di adempiere allo stesso atto anche se questi si avvalgono di agenzie di riscossione diverse da Equitalia”.

Confesercenti sottolinea come, seppur avendo tempestivamente allertato gli enti locali, tutt’oggi, contrariamente a quanto accade sul territorio nazionale, nessun Comune ha dichiarato di voler recepire l’invito del Governo, ad eccezione del solo Comune di Giulianova”.

Articolo offerto da: