Festa delle birre latino-americane, stasera alla Pizzeria del Massimo

Sheila-PerezSheila-Perez

“Cerveza o cerveja?” è la prima Festa delle Birre Latino-americane che la Pizzeria del Massimo di Pescara ospiterà a partire da stasera, giovedì 14 luglio, dalle 20 in poi, nei propri locali (anche all’aperto) di via Caduta del Forte 25/27.

Angela Parra

Angela Parra

Le birre più famose dei principali paesi dell’America Latina saranno servite in esclusiva in una serata all’insegna – oltre che della buona pizza – della musica dal vivo di qualità ma anche della solidarietà. La Quilmes dell’Argentina, Brahma del Brasile, la Bucanero di Cuba, la Presidente della Repubblica Dominicana e la Polar del Venezuela. La prima Festa delle birre latino-americane sarà dedicata proprio al Venezuela, Paese che sta attraversando un periodo economico particolarmente difficile. Ospiti della serata saranno le due brave cantanti venezuelane Sheila Perez e Angela Parra e la Pizzeria del Massimo (nata con un orientamento sociale) – in collaborazione con l’Associazione “Domenico Allegrino onlus” – ha deciso di ospitare i volontari abruzzesi dell’”Ayuda Humanitaria para Venezuela” che attiveranno durante la Festa un corner per la raccolta di farmaci da inviare nel Paese sudamericano, dove ormai scarseggia tutto, cibo e medicine comprese. La stessa fabbrica di birra Polar, pur avendo un enorme successo di vendite (il Venezuela è il più grande consumatore di birra in Sudamerica), è stata costretta a sospendere la produzione per mancanza di materie prime: le birre giunte alla Pizzeria del Massimo potrebbero essere, infatti, le ultime scorte di magazzino. Sul mercato internazionale scarseggiano pure le birre cubane: la sola Bucanero (che l’esportazione è rietichettata “Cubanero”) in Italia non si trova più (speriamo temporaneamente) come piure l’altra cubana Cristal e quel poco disponibile è giunto dalla Spagna.

Festa Birre Latine

Festa Birre Latine

Le Feste delle birre latino-americane proseguiranno, sempre con musica dal vivo e tanta “cerveza” o “cerveja” da bere ghiacciata, com’è d’obbligo nella “caliente” America Latina.

Articolo offerto da: