Please, al via il progetto per il turismo senior in Abruzzo

Please, turismo seniorPlease, turismo senior

La nuova frontiera del turismo ha due parole d’ordine: senior e destagionalizzato. In Abruzzo c’è un Comune, Scontrone, che ha saputo guardare avanti raccogliendo la sfida lanciata da Cosme, un programma comunitario che punta ad incrementane competitività e sostenibilità incoraggiando l’innovazione delle piccole e medie imprese europee.

Lo scopo dichiarato è migliorare l’accesso ai finanziamenti destinati alle PMI, agevolare l’accesso ai mercati, sia all’interno dell’UE che a livello mondiale, migliorare la competitività e la sostenibilità delle aziende soprattutto turistiche, sviluppando abilità e attitudini in particolare tra i nuovi imprenditori, i giovani e le donne. Le Pmi possono accedere ai fondi attraverso un portale finanziario sostenuto dall’Unione Europea. L’Abruzzo c’è, grazie all’iniziativa messa a punto dal Comune di Scontrone (L’Aquila) e da Abruzzo.com, co-protagonisti del Programma Cosme 2014-2020. Si tratta di uno specifico progetto europeo, denominato “Please”, volto ad incrementare il turismo degli anziani all’interno della Comunità Europea, con occhio particolare alla bassa stagione. Le soluzioni proposte si basano sull’uso di nuovi strumenti tecnologici, web e social. Il progetto è stato presentato a Palermo ai primi di aprile da Anas Italia (Associazione Nazionale di Azione Sociale), insieme a tutti i partner coinvolti. “Il nostro progetto – precisa Alessandra Giannola, presidente Anas Italia – sarà realizzato in cinque paesi dell’Unione Europea partendo dalla best practice “Abruzzolink”, nata in Abruzzo, che permetterà ai partner di condividerlo e implementarlo”.

L’iniziativa coinvolge nove partner di cinque Paesi Comunitari: Italia (Anas Italia, Isest-Ente Morale, Abruzzo.com e Comune di Scontrone), Spagna (Universitat de Valencia e Dependentias), Grecia (Regional Government of Thessaly), Malta (Mediterranean Accademy Of Culture Turisme and Trade) e Bulgaria (Pkgp). All’interno del progetto “Please” verrà sviluppato un nuovo modello di prodotto rivolto a persone tra i 55 e i 70 anni, già in pensione e disponibili a viaggiare in bassa stagione. Abruzzo.com, utilizzando una piattaforma dedicata (www.abruzzolink.com), permetterà ai turisti senior spagnoli, greci, maltesi e bulgari di prenotare i servizi “creando” la propria vacanza personalizzata in Abruzzo. “Saremo onorati di organizzare un test pilota nella nostra regione – dice Anna Vallesi, ceo di Abruzzo.com – dove vedremo arrivare quattro gruppi di senior da altrettanti Paesi europei. A loro faremo conoscere la nostra terra attraverso un modello replicabile e sostenibile”. Scontrone, Comune capofila del progetto, è un caratteristico paese ai confini del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Inserito nella rete dei Borghi Autentici d’Italia, ospita ventuno murales e cinque musei e si prepara a diventare protagonista dell’ambizioso progetto europeo.

“Il Comune di Scontrone – afferma il sindaco Ileana Schipani – svolgerà un ruolo importante nell’organizzazione degli eventi nazionali del progetto “Please” in Italia, il primo dei quali si terrà in Abruzzo nel mese di maggio, incrementando la visibilità e la notorietà della regione in tutta Europa”. Le potenzialità del mercato ci sono tutte: i senior (dai 55 anni) rappresentano circa il 25% della popolazione europea. La Commissione Europea riconosce tra le attività turistiche transnazionali l’importanza del turismo senior destagionalizzato, in quanto portatore sia di potere d’acquisto che di tempo libero. Si tratta di persone che, stando all’identikit tracciato dagli studi di settore, viaggiano con il proprio partner o con parenti, dispongono in media di un budget massimo di 100 euro al giorno, partono per 4/7 giorni e talvolta estendono il soggiorno fino a 13 notti. Questi turisti non amano troppo i pacchetti, preferiscono gestire il viaggio in maniera autonoma, cercano natura e cultura, danno importanza all’accessibilità dei luoghi, alla sicurezza sanitaria e a quella alimentare. Altro che anziano, il turista senior è più informato e moderno di quanto si creda ed è “silver surfer”, ossia supera i 50 e utilizza abitualmente internet. Il 65% di quanti, l’anno scorso, hanno scelto l’Italia per una vacanza si sono affidati ai suggerimenti del web. Anziano a chi?

La presentazione del progetto avrà luogo sabato 28 maggio, dalle ore 10 alle ore 13, presso l’Aurum di Pescara.

Marina Moretti

 

Articolo offerto da: