Arresto in aeroporto: donna albanese esibisce documenti falsi

Aeroporto di Pescara in disfacimento: crolli e servizi in tilt

Aveva intenzione di lasciare Pescara imbarcandosi sul volo diretto a Londra, ma con documenti falsi. Una giovane albanese di 26 anni è stata scoperta con un passaporto falso esibito al momento dell’imbarco all’aeroporto di Pescara e fermata da due agenti della Polizia di Frontiera.

Il documento in suo possesso la identificava come cittadina greca, ma una volta terminati gli accertamenti è emersa chiaramente la contraffazione del documento d’identità e alla donna non è rimasto che confessare. Il tentativo di dichiararsi in stato di gravidanza non le ha evitato il giudizio per direttissima: arresto e condanna a 10 mesi e 20 giorni di reclusione con la condizionale, per possesso e uso di documenti falsi, utilizzati ai fini dell’espatrio.

Articolo offerto da: