Ricchezza in Italia: a Pescara si guadagna la metà rispetto a Milano

ricchezza in italia

Ora che il 2018 è finito è possibile tracciare l’andamento della crisi durante i mesi scorsi: quanto ha inciso sul reddito degli italiani? A questa domanda ha provato a rispondere Davide Marciano, il fondatore del blog di economia Affari Miei.

Marciano ha elaborato il report 2018 sulla ricchezza in Italia. Da questo documento possiamo scoprire ogni dato sul reddito degli italiani. Vediamo cosa è emerso rapportando il reddito pro capite, la capacità di risparmio e i depositi bancari dei nostri connazionali.

PESCARA: I DATI DELLA PROVINCIA

I dati di questo studio mostrano che Pescara e l’Abruzzo in genere, si classificano nella media nazionale, a metà tra chi guadagna di più e chi occupa le ultime posizioni. La città si trova al primo posto nella classifica regionale, con un reddito pro capite pari a 22.742 euro e una capacità di risparmio di 1.842 euro all’anno per ogni persona.

“Secondo quanto vediamo consultando i dati ISTAT 2018– afferma Marciano, la capacità di risparmio degli italiani è stata dell’8,1% circa nel 2017. Valutando il valore del reddito pro capite, vediamo che ogni pescarese riesce a risparmiare in media 1.830 euro all’anno”.

“Ho sommato questi numeri ai dati FABI sui depositi bancari – continua Davide Marciano– e ho ottenuto la somma delle riserve in banca: ogni cittadino della provincia di Pescara ha un patrimonio di circa 78.000 euro”.

Rispetto alle altre province abruzzesi Pescara è in testa, come abbiamo già visto, seguita da L’Aquila: entrambe vantano un valore di 22.700 circa. In terza posizione troviamo Chieti con 22.600 euro. In ultima posizione c’è Teramo, con 21300 euro e un risparmio annuo medio di 1700 euro circa.

Nonostante il primato in Abruzzo, a Pescara si guadagna la metà di Milano, che d’altronde risulta la città più ricca d’Italia, con un reddito pro capite di 46.100 euro. Roma, invece, è in settima posizione, con 31.500 euro circa.

 

Articolo offerto da: