Notte balorda in via Piave: sotto accusa la movida

movida pescarese

Erano da poco passate le due, la notte tra sabato e domenica, quando in via Piave si è scatenato l’inferno.

Un gruppo di ragazzi, presumibilmente annebbiati dall’alcool, prima ha preso di mira la palazzina dell’ ex galleria Ciampoli, iniziando a suonare a tutti i citofoni, poi alle proteste dei malcapitati, insulti, schiamazzi, minacce di morte e atti vandalici in strada, prendendo a calci quello che si presentava davanti.

I residenti sono da tempo esasperati dalla movida notturna dei weekend, dove l’abuso di alcool e sostanze di ogni genere sembra ormai fuori controllo. I rappresentanti del “Comitato Tranquillamente Battisti” precisa che non si tratta di un episodio isolato, soprattutto il sabato quando, dopo l’una, nella zona del mercato in piazza Muzii, oltre al vociare e alla musica si può assistere a comportamenti a dir poco deplorevoli da parte di alcune persone: c’è chi fa i propri bisogni per strada e, c’è chi dice, avvenga persino lo spaccio, soprattutto in alcuni appartamenti disabitati. Sono spaventati i cittadini che abitano in queste zone della città, i quali chiederanno un nuovo incontro con le istituzioni.

Quando sabato sera sono intervenute le volanti della polizia, i ragazzi erano già spariti nella notte.

Articolo offerto da:

Archidea