Novissi e il container di aiuti per il Togo

I volontari NovissiI volontari Novissi

Non è la prima volta che su queste colonne vi parliamo della onlus pescarese Novissi, e torniamo a farlo in quest’occasione per festeggiare il coronamento della loro ennesima missione di solidarietà in Africa.

Intorno al 20 settembre, infatti, Gaetano Paparella, storico fondatore della onlus, è partito assieme a Veronica Di Paolo, Donatello Florio e Teresa De Sanctis, tre volontari, alla volta del Togo, più precisamente di Yegué, per presenziare all’arrivo del container pieno di aiuti donati dai sostenitori e destinati all’orfanotrofio costruito nel 2010 dalla stessa Novissi.

Il container era partito un mese prima da Piazza Italia, di fronte al comune che ha patrocinato l’iniziativa assieme al comune di Vacri, alla presenza degli assessori Teodoro e Di Iacovo.

Gli aiuti sono di vario genere, da prodotti alimentari a lunga conservazione a medicine, da vestiario a giocattoli; soprattutto, però, Novissi mira a far sì che le strutture create possano ambire alla piena indipendenza funzionale ed ecco così anche beni come macchinari per lavorare i pomodori e formazione sul posto di personale in grado di gestire le varie attività.

La onlus pescarese è attiva ormai dal 2006 ed è indipendente da qualsiasi indirizzo politico e religioso. Oltre a occuparsi delle problematiche dell’infanzia africana sul posto, si dedica anche alla sensibilizzazione sui diritti dei bambini di tutto il mondo con continue iniziative, come stand informativi o campagne nelle scuole, sul nostro territorio. Iniziative alle quali si abbina una avviata attività di doposcuola presso la sede di Pescara, in viale Bovio, dove si tengono anche corsi di varie materie, tra cui inglese e teatro.

Novissi può ritenersi in tutto e per tutto un vero fiore all’occhiello della solidarietà abruzzese, così come lo sono i loro volontari che “più di tutti – sottolinea Paparella – hanno permesso la riuscita di questa ennesima iniziativa nel Togo”.

L’orfanotrofio di Yegué, attivo da settembre 2010, ospita attualmente ben 50 bambini ed è gestito dalle suore della SS Trinità; un successo sicuramente, ma ancora tanto può essere fatto per queste popolazioni a cui manca praticamente tutto. Allo studio attuale c’è un ulteriore avanzamento di questa struttura, con l’attivazione di un cinema e il reperimento di biciclette e macchine necessarie per dare una vita dignitosa a ospiti e collaboratori della struttura.

Chiunque volesse collaborare come volontario può visitare il sito o la pagina Facebook, recarsi di persona in viale Bovio N°446 o chiedere informazioni a info@novissi.org

Articolo offerto da:

lu scaricarell