Fratelli d’Italia sul degrado di Pescara

Il degrado a Pescara, segnalato dai Fratelli d'ItaliaIl degrado a Pescara, segnalato dai Fratelli d'Italia

“Una città dimenticata. E’ questa l’impressione che si ha quando si attraversano le vie cittadine”. Questo il commento dei consiglieri comunali Testa, Cremonese e Pastore.

Pescara è un cantiere acchiappavoti tra performance canore fuori contesto, piste ciclabili in fieri tra cancelli delle abitazioni di viale Muzii; una bellezza sommersa da erbacce e immondizia. I consiglieri comunali FDI Guerino Testa, Alfredo Cremonese e Massimo Pastore danno voce alle istanze dei cittadini di Pescara che sono arrivati al limite della sopportazione per la situazione in cui verte la nostra città.

“Abbiamo raggiunto i minimi storici del degrado – proseguono -: dalle centralissime Viale Kennedy e via Regina Elena fino alle vie periferiche, via Ronchitelli o via De Titta (solo per citarne alcune) i marciapiedi, o meglio quello che di loro resta,  sono invasi da erba alta, escrementi e immondizia non raccolta come nel caso dei Colli (vedi foto), discariche a cielo aperto come nel già denunciato cantiere del Teatro Michetti nel cuore della città vecchia”

“Mancano controlli, manca una politica mirata al benessere del cittadino, manca il senso di responsabilità a questa Giunta Alessandrini che da cinque anni promette e non mantiene. Per una città a vocazione turistico balneare non è certo un bel biglietto da visita lo spettacolo che si palesa agli occhi del visitatore: chiediamo di intervenire immediatamente per restituire dignità a una città che grazie a questa amministrazione è abbandonata a se stessa”.

 

Articolo offerto da: