Pillon voglio un Pescara che abbia carattere e personalità

Giuseppe Pillon insieme con il DS LeoneGiuseppe Pillon insieme con il DS Leone

Esordio in trasferta per il neo tecnico del Pescara, Bepi Pillon. Si prospetta una gara non facile quella che domani la formazione pescarese si appresta a disputare sul difficile campo del Palermo.

I rosanero provengono da una sconfitta bruciante contro il Parma, mentre il Pescara dopo l’ennesima sconfitta è assetato di punti da conquistare per la salvezza.

Privo ormai dei soliti infortunati il Pescara contro il Palermo è chiamato ad una prova di carattere, ed è ciò che ha chiesto il neo tecnico Pillon alla vigilia della prima conferenza stampa: ”Le insidie nel campionato di B, sono dietro l’angolo. La classifica è corta e credo che bisogna avere equilibrio, senza crearsi delle ansie. Bisognerà pensare di partita in partita. Zeman, per noi allenatori, è stato un maestro. Io ho cercato di proseguire con il suo lavoro senza stravolgere la squadra. In fase difensiva ho dovuto fare degli accorgimenti ma, ripeto, non posso fare cose strane. È fondamentale il carattere di un gruppo. Se molli durante una partita alla prima difficoltà, è finita. Il Pescara non è abituato a lottare per la salvezza e quindi si trova in una situazione strana. Da fuori è sempre facile parlare. A Cittadella il Pescara ha fatto una bella partita poi per degli errori individuali non ha vinto la gara. In questi primi giorni ho cercato di rispettare l’identità ma portando degli accorgimenti. Domani voglio vedere se il lavoro sviluppato in questi giorni porterà i suoi frutti. Al Barbera, contro una squadra molto forte, voglio una partita coraggiosa, di pressione costante anche perché io non sono abituato a stare tutti dietro.

Spero di recupero Campagnaro che è un giocatore di grande esperienza. Non mi frega del mio futuro. Ho tre mesi per raggiungere l’obiettivo fissato e farò di tutto per raggiungerlo. Brugman può giocare per me davanti alla difesa ma è un giocatore molto intelligente e quindi può fare anche la mezz’ala. Insieme a Carraro ho due grandi giocatori in quel ruolo. Conto molto su Cocco, è un grande giocatore e dobbiamo recuperarlo il prima possibile. Tedino, è una grande persona e ci stringeremo la mano.”

Alla conferenza stampa di mister Pillon, ha partecipato anche il DS Leone che ha dichiarato: ”ci tenevo a ringraziare Epifani per quello che ha fatto per noi. Sarà una grande risorsa per noi.”

Per il Palermo si svuota l’infermeria e mister Tedino, avrà quasi tutti a disposizione; sul Pescara dichiara: “Non so come giocherà ma davanti ha giocatori di grande gamba, molti dei quali funzionali al gioco di Zeman, con gambe importanti. Bisognerà fare attenzione alla fase di transizione: lì sono molto forti. Pillon lo conosco molto bene. L’ho conosciuto quando Guidolin era a Treviso: è un allenatore bravo e preparato, una brava persona e lo stimo tantissimo.”

Il tecnico poi parla dei singoli e regala qualche “carezza”. “Chochev? Sapete quanto lo “amo”, lo considero concreto per il mio calcio. L’ho aspettato un poco e ho voluto parlargli; ora è tornato utile e nel suo dna ha anche il gol. Jajalo è un professionista esemplare e aveva solo bisogno di grande fiducia. Mato gioca in un ruolo non proprio suo, ma si è calato nella parte e ha una bava alla bocca devastante. Bellusci prosegue il suo percorso e credo che anche per la Cremonese non ci sarà. Rajkovic dopo 3 partite sta bene: è un uomo con la U maiuscola e soprattutto sta bene fisicamente. Il gol segnato a Parma è il segno del passo avanti che ha fatto. Mette sempre grande impegno, un ragazzo che dà grande soddisfazione: con Petrucci e Puleo ha fatto un lavoro incredibile. Dawidowicz? Sta bene, Szyminski un po’ meno. Come ho visto, in generale, i giocatori? Vorrei vederli sempre con la bava alla bocca, anche in amichevole, vogliosi di fare qualcosa di importante. Non ho visto altro se non il voler giocare la partita di domani. A parte le sviste, dobbiamo pedalare forte e andare veloci: siamo stati tanti giorni fuori e non è stato il massimo, ma l’organizzazione ci ha permesso di lavorare al meglio. Dobbiamo avere grande energia, ma vincere significa anche essere razionali e partire al momento giusto”

La partita tra Palermo e Pescara sarà diretta dal signor Piscopo, coadiuvato dagli assistenti Citro – Scatragli e quarto uomo: Schirru.

 

 

 

Articolo offerto da: