Lorenzo Braccesi parla di Zenobia, regina di Palmira

Copertina del libroCopertina del libro

Mercoledì 14 marzo 2018, alle ore 18, al Mediamuseum di Pescara, Claudio Palma e Marco Presutti  converseranno con Lorenzo Braccesi sul suo libro Zenobia l’ultima regina d’Oriente. L’assedio di Palmira e lo scontro con Roma (Salerno 2018).

L’incontro, promosso dalla Fondazione Edoardo Tiboni per la cultura, dall’Istituto nazionale di Studi crociani e dalla delegazione pescarese dell’Associazione italiana di Cultura classica, rientra nel ciclo di conversazioni di Attualità culturale in dialogo (terza annualità).

Il libro ricostruisce il sogno dell’ultima regina d’Oriente di veder rinascere un grande regno ellenistico dal Nilo al Bosforo, piú esteso di quello di Cleopatra, ma la sua aspirazione si infranse per un errore di valutazione politica: aver considerato l’impero di Roma prossimo alla disgregazione. L’ultimo atto delle campagne orientali di Aureliano si svolse proprio sotto le mura di Palmira, l’esito fu la sconfitta della regina Zenobia e la sua deportazione a Roma, dove l’imperatore la costrinse a sfilare come simbolo del suo trionfo. Le rovine monumentali di Palmira – oggi oggetto di disumana offesa – ci parlano della grandezza del regno di Zenobia e della sua resistenza eroica.

Ancora attuale è la tragedia di questa città: rimasta intatta nei secoli, protetta dalle sabbie del deserto, è crollata sotto la furia della barbarie islamista.

Lorenzo Braccesi ha insegnato nelle università di Torino, Venezia e Padova. Tra i temi della ricerca storica di cui si è occupato bisogna ricordare almeno la colonizzazione greca, e in particolare la presenza ellenica nel mare Adriatico, la società augustea, l’eredità della cultura classica nelle letterature moderne. I suoi saggi piú recenti sono dedicati a storie di donne: Giulia, la figlia di Augusto (Roma-Bari 2014), Agrippina, la sposa di un mito(Roma-Bari 2015), Livia (Roma 2016).

Articolo offerto da: