La sfida della felicità per un’Europa federale, sabato 16 a Pescara

La sfida della felicità per un'Europa federaleLa sfida della felicità per un'Europa federale

Si terrà sabato 16 dicembre la presentazione del libro “La Sfida della Felicità per un’Europa Federale”. L’appuntamento è alle 10, presso la sede del Consiglio regionale d’Abruzzo a Pescara.

All’evento sarà presente l’autore, il giornalista federalista Ugo Iezzi. Parteciperanno all’incontro i direttivi congiunti MFE e CIME Abruzzo, l’assessore regionale Donato Di Matteo, il giornalista Donato Fioriti (CIME Nazionale), la professoressa Damiana Guarascio (MFE Centrale), il giornalista Mario D’Alessandro (Argalam-FNSI), l’editore Marco Solfanelli (Ed. Tabula Fati).

“Il Movimento Federalista Europeo – spiega il giornalista Ugo Iezzi, autore del testo e presidente di una sezione locale MFE – rivendica un ruolo costituente del popolo federale europeo e conduce la sua lotta per la federazione europea. Nel libro si sottolinea la legittima e giusta aspirazione di tutti i cittadini alla felicità , come ricordato anche dall’omonimo progetto Onu, e si prova a coniugarla con l’altra aspirazione: quella di un Europa federale.”
“È urgente un’azione popolare -chiosa Donato Fioriti , Segretario MFE Abruzzo e Cons. Naz.le CIME (Consiglio Italiano Movimento Europeo) per sensibilizzare le istituzioni europee sulla necessità di un radicale cambiamento di rotta nel processo di integrazione europea. Il nostro motto  è “Cambiamo rotta all’Europa”. Non vogliamo “buttare il bambino con l’acqua sporca”, lotteremo, attraverso il nostro presidente nazionale CIME avv. Pier Virgilio D’Astoli per un intergruppo parlamentare europeo federalista ed, a livello nazionale e sul territorio, per far dare priorità ad una scaletta per l’unione Sociale, sulla linea del recente “Pilastro dei diritti sociali europei”.
“Il Movimento Federalista Europeo- ricorda la prof. Damiana Guarascio di MFE Nazionale –  è stato fondato a Milano nel 1943 da Altiero Spinelli per la creazione della Federazione Europea, cioè degli Stati Uniti d’Europa: non è né un partito né un semplice gruppo di pressione. La sua lotta segue la linea tracciata dal Manifesto di Ventotene (1941). Il MFE vuole unire e non dividere le forze favorevoli all’unità europea: è una delle forze federaliste che fa parte del CIME, il Consiglio Italiano del Movimento Europeo, di cui fanno parte le maggiori parti sociali italiane, dalle sigle sindacali a quelle associative e di categoria maggiormente rappresentative”.

Articolo offerto da: