Malore in alto mare, soccorso della Guardia costiera

Intervento della Guardia costieraIntervento della Guardia costiera

Una richiesta di soccorso per un attacco di appendicite di un membro dell’equipaggio di una nave da crociera, un tedesco di 34 anni, è stata lanciata stamani alla Capitaneria di Porto di Pescara.

Dopo le prime cure prestate dal medico di bordo, il comando della nave, partita da Venezia e diretta a Corfù e che al momento della richiesta di aiuto si trovava a circa 56 miglia di fronte a San Benedetto con circa 2600 passeggeri e 600 di equipaggio, decideva di continuare la navigazione con rotta su Pescara in attesa dei soccorsi. La Sala Operativa ed il 3° Nucleo Aereo della Guardia Costiera disponevano l’immediato decollo dell’elicottero di soccorso “Nemo-12”, unitamente al personale del Servizio Urgenza Emergenza Medica 118 di Pescara, per procedere allo sbarco dell’uomo.

“Le operazioni di verricellamento eseguito con l’aerosoccorritore si sono svolte a circa 30 miglia dalla costa, al largo di Giulianova” riferisce il personale militare “ed in circa 15 minuti di volo il paziente è arrivato in aeroporto dove c’era ad attenderlo un’ambulanza”. Il ragazzo, in codice giallo e condizioni instabili con diagnosi di presunta appendicite, è stato ricoverato presso l’ospedale Civile di Pescara. Ancora una volta la possibilità di intervenire in mare con un mezzo aereo della Guardia Costiera ha permesso la rapida risoluzione di un’emergenza.

Articolo offerto da: