Pescara calcio a 5, scattano provvedimenti e sanzioni

Matteo IannascoliMatteo Iannascoli

di BENEDETTO GASBARRO

Nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì 5 giugno, il giudice sportivo ha emesso il comunicato da cui emerge una vera e propria stangata nei confronti del Pescara.

Oltre le squalifiche pesanti di Borruto fino al 31 dicembre e Caputo 30 novembre, linea durissima nei confronti del presidente e del Ds Matteo Iannascoli oltre la squalifica del campo di gioco fino al 31 dicembre. Nei confronti del giocatore Tobe, ovvero colui che durante il terzo tempo ha scatenato il parapiglia, squalifica fino al 30 novembre. Se da una parte il neo presidente della Divisione Calcio a 5 commenta positivamente la linea adottata dalla giustizia sportiva, in città si attende la presa di posizione ufficiale della società alla vigilia di gara 2 in programma domani, mercoledì 7 giugno, a Bassano del Grappa.

Bisognerà capire se avrà seguito il comunicato emesso nella giornata di sabato e quindi non disputare il match, presentare ricorso a questa prima sentenza e nel frattempo presentarsi in terra veneta con gli elementi a disposizione cercando di allungare la serie. Saranno ora decisive, pertanto, non solo per l’epilogo di questa finale scudetto ma soprattutto bisognerà capire se la famiglia Iannascoli è disposta ad andare avanti.

 

Articolo offerto da: