Cittadinanza attiva, a mille 18enni una copia della Costituzione

Cittadinanza attiva, a mille 18enni una copia della CostituzioneCittadinanza attiva, a mille 18enni una copia della Costituzione

Quasi mille 18enni hanno partecipato alla cerimonia “Ingresso di cittadinanza attiva” grazie alla brillante iniziativa dell’assessorato alle politiche sociali e pari opportunità.

La manifestazione, alla quale hanno preso parte, oltre al sindaco Alessandrini anche l’assessore Antonella Allegrino e il prefetto Francesco Provolo, è stata ideata per celebrare i giovani nati nel 1998 che hanno raggiunto la maggiore età nel 2016. La cerimonia ha avuto inizio con l’inno di Mameli eseguito dall’orchestra giovanile del Mibe, composta da 38 elementi e diretta dal M° Leontino Iezzi. E’ stato un momento emozionante che i ragazzi hanno seguito alzandosi in piedi e cantando l’inno. Quindi il sindaco e il prefetto hanno rivolto un saluto ai maggiorenni.

“Sono veramente felice di partecipare a questa cerimonia e di consegnarvi la Costituzione – ha affermato il Prefetto Francesco Provolo – Una manifestazione che rappresenta una conquista. Il mio augurio è che i ragazzi del ’98 portino a noi degli esempi, dei programmi per poter andare avanti”.

“Insieme alla Costituzione vogliamo dare ai giovani la consapevolezza dei propri diritti – così il sindaco Marco Alessandrini – la forza di farli valere, il coraggio di difendere le differenze che la nostra Carta tutela insieme alla nostra storia. Nei giorni scorsi è diventato un caso internazionale la squalifica del nostro biancazzurro Sulley Muntari, che ha visto prendere posizione anche dall’Onu contro i cori razzisti partiti dagli spalti dello stadio di Cagliari durante una partita che lui, giustamente, si è rifiutato di continuare a giocare. La ragione della sua lotta, che è diventata anche la nostra lotta, è contenuta nell’articolo 3 della nostra Costituzione: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali”. E’ uno degli articoli più importanti, che dobbiamo fare nostro come tutto il contenuto della Carta che oggi abbiamo consegnato”.

“Abbiamo pensato di organizzare per la prima volta una cerimonia ufficiale perché è un traguardo  significativo per tutti i ragazzi – ha spiegato l’assessore Antonella Allegrino  –  L’intento è di farla diventare una tradizione per testimoniare  la vicinanza dell’Amministrazione comunale ai giovani viste le nuove responsabilità che dovranno affrontare con l’acquisizione del diritto di voto. Abbiamo scelto, come gesto simbolico, di donare loro una copia della Costituzione italiana. L’augurio è che i ragazzi trasformino questo dono in azione concreta e forza vitale, che non lo lascino silenzioso nelle librerie ma ne ascoltino le voci che ne provengono e arricchiscano i loro cuori e le loro menti. Hanno prodotto delle riflessioni molto interessanti: in alcuni passaggi hanno espresso preoccupazione per il futuro ma in tutti abbiamo colto il desiderio di dare un contributo concreto e prezioso al bene comune”.

Il saluto della comunità è stato portato ai 18enni dalla cittadina Anna Colaiacovo: “Oggi, nell’epoca dell’individualismo sfrenato, si diventa cittadini se si tutela prima di tutto il bene comune e voi dovreste coltivarlo. Non si diventa maggiorenni solo con l’età, ma crescendo. Ci auguriamo che la Costituzione possa essere orientamento della vostra vita e pensiero per le vostre azioni”.

 

 

 

 

 

Articolo offerto da: