Al porto sbarcano i vinili: la Fiera del disco

La Fiera del discoLa Fiera del disco

di ANDREA LA ROVERE

Quanti di noi ricordano con nostalgia i bei vecchi tempi del vinile, quando le copertine degli enormi 33 giri erano vere e proprie opere d’arte e i solchi dei 45 giri si consumavano a furia di ascoltarli in coloratissimi mangiadischi?

Fino agli anni ’70 il disco in vinile – più propriamente LP o 33 giri – è stato il supporto più diffuso per la riproduzione di musica preregistrata, soppiantato dalla diffusione di musicassette negli anni ’80 e di CD negli anni ‘90, divenendo un prodotto prettamente di nicchia.
Le ricerche sul mercato, però, rivelano che nel 2015 nel Regno Unito si sono venduti 2,1 milioni di vinili, mentre negli Stati Uniti 11,9 milioni.

I dati resi noti dalla Nielsen, nel suo 2015 Music Report, palesano una diminuzione di vendite di cd e di album digitali, rispettivamente del 10,8% e del 2,9%. Le vendite dei dischi in vinile, invece, sono aumentate quasi del 30%, con il rock che occupa il 68% del totale. Sembra, dunque, che sia in atto una vera e propria riscoperta del passato, degli album storici, degli artisti immortali, preferiti a cantanti e canzoni che, probabilmente, non entreranno mai nella storia. Successo ritrovato, quindi, anche per i vecchi negozi di dischi e per le aziende che producono apparecchi di riproduzione musicale.

Molti artisti contemporanei hanno deciso di cavalcare l’onda pubblicando dei propri dischi anche la versione in vinile.

E, proprio cavalcando quest’onda nostalgica, la Fiera del disco di Pescara è giunta, crescendo di anno in anno, alla sesta edizione.

La fiera, che quest’anno gode del Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Pescara, si svolgerà sabato 5 e domenica 6 novembre dalle 10.00 alle 19.00.
Due giornate ricche di musica e di cultura che riuniranno appassionati da tutta la Regione Abruzzo, per riassaporare e riscoprire la magia del vinile.
Rinnovata e ampliata nei contenuti la fiera vedrà oltre all’esposizione di più di 30 espositori provenienti da tutta Italia e dall’estero, 250 mq di musica fruibile su tutti i supporti: vinili 33 e 45 giri, cd, stampe musicali, poster, gadget originali e memorabilia autografate.
Quest’anno, per la seconda volta, alla fiera si affianca un progetto culturale che vuole ripercorrere le principali tappe della storia della musica attraverso le varie edizioni della fiera stessa.
Sarà predisposta un’area dedicata agli eventi culturali che comprendono:

-Mostra Foto e Memorabilia Musicale “Rocks and Shots” di Henry Ruggeri, fotografo ufficiale di VIRGIN RADIO (ma anche fotografo di: METALLICA – RAMONES – SPRINGSTEEN – U2 – J. BROWN – VASCO ROSSI – RADIOHEAD – AC/DC – QUEEN – WHO – PEARL JAM… e altri)

-Presentazione di “Come nasce un vinile” a cura di Alessandro Cutolo, managing director di Elettroformati (domenica, ore 17)

-Presentazione “I vestiti della musica. Viaggio tra le meraviglie delle copertine dei dischi” a cura di Paolo Mazzucchelli (sabato, ore 17)

-Contest per Dj: una consolle a disposizione per gli appassionati Dj locali che, previa selezione, potranno cimentarsi in una performance della durata di 20 minuti circa, per far ascoltare la loro musica e mettersi in luce davanti a un pubblico preparato (sabato e domenica, seguirà programma)

-Concerto folk di Claudio De Angeli e Laura Torterolo dei Rolling Waves (domenica, ore 16)

 

Articolo offerto da:

Bar Roberto
Archidea

Be the first to comment on "Al porto sbarcano i vinili: la Fiera del disco"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*