Quando Peppe De Cecco giocava a pallone

squadra-piazza-salotto

Gianni Santomo, Ciccio Diomede, Nuccio Ciampoli, Arturo Sarno, Giorgio Pace e Peppe De Cecco: un squadra di grandi nomi, tutti made in Pescara che intorno agli anni 70 si ritrovavamo sul campo di calcio dell’ Atletico Alanno (nella foto). Siamo ritornati indietro nel tempo grazie ai ricordi di due protagonisti di quele team Peppe De Cecco, imprenditore dell’omonima azienda pastificia ed ex presidente della Pescara calcio e Giorgio Pace fratello di Bruno Pace ex calciatore del Bologna. Una squadra che Giorgio Pace ama chiamare di “Piazza Salotto”: “Sì, perchè la sera ci vedevamo tutti lì, nel cuore della città. Molti di noi erano anche residenti. Una cosa che voglio sottilineare è che ho avuto il piacere di giocare in una squadra soprattutto di amci”. Con don Peppe abbiamo parlato del passato ma anche del calcio di oggi.

Dottor De Cecco quali ricordi ha di quegli anni?

“Sono passati più di 40 anni ma non dimentico quella famosa stagione in cui dalla 3 Catogoria dilettanti fummo promossi in 2 Categoria anzi, avevamo una squadra ben strutturata al punto che sfiorammo la promozione in prima categoria. Il mio ruolo? Mezza ala, oggi si direbbe esterno destro. Tipo Giorgio Repetto”.

Secondo lei com’è cambiato il calcio rispetto ai suoi tempi?

“Guardi credo che a livello dilettantistico non sia cambiato molto. Credo che esista ancora lo spirito che avevamo noi cioè del panino con la porchetta dopo la partita. Ad essere cambiato invece è il calcio professionistico: troppi soldi che girano e il calcio scommesse sono il vero cancro del calcio. All’ epoca nostra tutto questo non c’era; oggi gli stipendi d’oro dei calciatori e i proventi delle televisioni hanno rovinato lo sport più bello del mondo e le conseguenze ricadono sui più giovani la cui prima domanda appena arrivano in una squadra chiedono ‘Quanto mi dai’? Poi il calcio scommesse che ha inquinato le partite e le loro certezze. Zoff o parava o il tiro era davvero imprendibile”.

Articolo offerto da:

Archidea

Be the first to comment on "Quando Peppe De Cecco giocava a pallone"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*